gusto - PARLIAMONE - Radio Back Home

RADIO BACK HOME
La radio degli italiani nel mondo
Vai ai contenuti

Menu principale:

IL GUSTO INTENSO DEI VINI A BACCA NERA

Radio Back Home
Pubblicato da in Il sapore del sapere ·
Tags: gustointensovinovinibaccanera
Un altro viaggio fantastico ci aspetta: vitigni a bacca nera. Da questi si ottengono vini intensi e memorabili che lasciano scie di sapori unici sul palato e nell'anima.
Ne è un esempio il famoso Nero d'avola o Calaulisi, ambasciatore dei vini siciliani nel mondo. Il suo nome deriva da una forma dialettale "caula" il cui significato è Uva. Se coltivato nella zona d’origine, la Sicilia sud orientale, si ottengono vini più eleganti e dai sentori di fiori secchi e spezie; coltivato nella zona occidentale, invece, si avranno sentori di frutti rossi. Grazie alla sua buona acidità è un vino particolarmente adatto ad essere conservato nel tempo.
Un'altra bacca nera le cui origini risalgono a tempi impossibili da prestabilire è il Nerello Mascalese il cui nome deriva dalla zona di Mascali. Vitigno originario del mistico ed incredibile Paesaggio Etneo che rispecchia appieno le caratteristiche del vino che si ottiene: minerale, intenso, sentori di spezie e frutta a bacca rossa. Andata quasi persa la sua coltivazione, è stato per fortuna valorizzato negli ultimi anni. Viene spesso utilizzato in blend con il Nerello Cappuccio grazie a cui si ottiene l'Etna Rosso D.O.C. Ha delle caratteristiche diverse, seppur originario del territorio Etneo e stava per estinguersi. Presenta leggere note floreali, poca propensione alla conservazione.
Passando al vitigno del Frappato possiamo invece dire che probabilmente ha origine dalla penisola iberica e che si hanno notizie del Frappato sin da tempi molto antichi. I vini ottenuti da queste uve, tipiche del settore sud orientale della Sicilia dove i terreni hanno una buona componente calcarea, silicea e argillosa, sono vini dallo spiccato sentore fruttato da cui si pensa derivi il nome e dal carattere leggermente minerale e di medio corpo.
Ultimo ma non per importanza, è il Perricone. Andato quasi perso, a causa Della difficoltà nel vinificarlo, è stato riscoperto negli ultimi anni da alcuni coraggiosi agricoltori ed enologi, regalando vini dal profilo importante e sontuoso. Vino dai tannini rotondi e dai sentori fruttati, presenta anche tocchi vegetali che lo rendono unico nel suo genere.

Nel prossimo articolo tratteremo di alcuni disciplinari siciliani e dei vini Che si riescono ad ottenere.

Valentina Crescimanni




IL SAPORE DEL SAPERE

Radio Back Home
Pubblicato da in Il sapore del sapere ·
Tags: saporesaperesapiogustotradizioniciboidentitàcultura
Torna ai contenuti | Torna al menu